Emilia Hotel

CERCA ALBERGHI
Alberghi Emilia
Check-in
Check-out
Altra destinazione

Hotel Daniel Parma
Hotel Daniel - PARMA


.: IL TERITORIO
Provincia di Piacenza
 La Provincia di Piacenza Ŕ una provincia dell'Emilia-Romagna di circa 270 mila abitanti.
 Confina a nord e a ovest con la Lombardia (Provincia di Lodi, Provincia di Cremona e Provincia di Pavia), ad ovest con il Piemonte (Provincia di Alessandria), a est con la Provincia di Parma, a sud con la Liguria (Provincia di Genova).
 La Provincia di Piacenza si estende nella Pianura Padana a sud del fiume Po, nella parte occidentale della regione Emilia-Romagna. A sud confina con la provincia di Genova (Liguria) tramite l'Appennino Ligure.
 Il secondo fiume pi¨ importante dopo il Po Ŕ la Trebbia. I torrenti principali sono il Nure, il Tidone e l'Arda.
 La gastronomia piacentina vanta di diversi piatti tipici che col tempo sono diventati molto noti anche al di fuori della provincia stessa, come i pisarei e fas÷ e i tortelli alla piacentina (con le code, ovvero chiusi "a caramella" secondo l'abitudine cittadina, quadrati in provincia).
 Un baluardo della gastronomia piacentina sono i salumi dei quali i tre pi¨ famosi, contrassegnati dal marchio DOP, sono il salame piacentino, la coppa piacentina e la pancetta piacentina. Il Piacentino Ŕ l'unica provincia italiana ad annoverare ben tre salumi DOP. Altri non contrassegnati D.O.P. sono la mariola (grosso e corto salame), il salame gentile e il lardo che, pestato (pistń d' gras), viene anche usato come ingrediente in diversi piatti.
 Essi costituiscono un immancabile antipasto, ma altri celebri sono il salame cotto, i ciccioli (chimati grasÚi in piacentino), la bortellina (burtlŰina in piacentino) della Val Nure, Val Trebbia e Val Tidone (sorta di frittella di farina, accompagnata coi salumi o coi formaggi), il chisulÚn o torta fritta (tipica di solo di alcuni comuni della Bassa Val d'Arda, ma comunissima in altre province dell'Emilia-Romagna a volte col nome di gnocco fritto) sempre in abbinamento coi salumi, il batar÷ (focaccina della Val Tidone), la polenta fritta e la gustosa torta di patate della montagna. Le salse pi¨ note sono la salsa di noci e il pesto di matrice ligure sull'Appennino (zona che ha sempre risentito dell'influenza di Genova e della Liguria), la salsa di prezzemolo e la salsa di fegatini alla Farnese.
 Tra i primi piatti vi sono i giÓ citati pisarei e fas÷ (gnocchetti di pane e farina con condimento di sugo ai fagioli) e tortelli alla piacentina, gli anolini o anvŰin (pasta fresca con ripieno di carne) in brodo, gli anolini all'uso di Castell'Arquato e della Val d'Arda (variante di quelli appena citati), i panzerotti alla piacentina (cilindretti di pasta fresca al forno ripieni di ricotta, bietole e grana padano), i tortelli di zucca (differenti da quelli di Mantova e Cremona), i tortelli di castagne tipici della montagna, i malfatti di Bobbio, i maccheroni fatti con l'ago da calza (macaron cun l'ag¨cia) di Bobbio, le mezze maniche dei frati (sorta di grossi maccheroni ripieni), le tagliatelle o le trofie con salsa di noci tipiche della montagna e della Liguria, il risotto alla Primogenita, il risotto coi funghi, il riso e verza (con costine di maiale), il risotto coi fegatini, il risotto coi codini di maiale. Comunissimi tra i secondi sono l'anatra e la faraona arrosto, la pýcula d' caval (pýcula di cavallo), lo stracotto d'asina, la bomba di riso di Bobbio, le lumache alla bobbiese, il tasto o tasca (punta di vitello ripiena) variante della cima alla genovese che Ŕ di casa sull'Appennino Piacentino, la delicata anguilla in umido, l'anguilla marinata nota come burattino o bŘratŰin, gli zucchini ripieni dell'Appennino mostrano chiare tracce liguri e, tra i secondi pi¨ poveri, il merluzzo in umido e la famosa polenta disponibile in tantissime varianti (concia, con ciccioli, con la pýcula ecc.).
 I formaggi D.O.P. sono il Grana Padano conosciuto in tutto il mondo e il Provolone Val Padana, ma in montagna vengono ancora prodotti formaggi con latte di pecora, capra e vacca (famoso quello da cui escono i vermi saltarÚi).
 Non esiste una grande tradizione dolciaria, comunque i dessert non mancano: i turtlýt (tortelli dolci), le crostate, il latte in piedi, il buslÓn (ciambella) e i buslanŰin (ciambelline) e la spongata molto comune in Val d'Arda, una torta probabilmente di origine ebraica diffusa anche in provincia di Parma. Comunissima sulle tavole del Piacentino, cosý come in altre zone della Lombardia e dell'Emilia, Ŕ la torta sbrisulona nata per˛ a Mantova.
 Come si nota da questo lungo elenco di ricette della provincia, un riconoscimento va al paese di Bobbio che pu˛ vantare un buon numero di ricette locali, se non una propria cucina.
Provincia di Parma
 La Provincia di Parma Ŕ una provincia dell'Emilia-Romagna di oltre 410 mila abitanti.
 Confina a nord con la Lombardia (Provincia di Cremona e Provincia di Mantova), ad est con la Provincia di Reggio Emilia, a sud con la Toscana (Provincia di Massa-Carrara) e la Liguria (Provincia della Spezia e Provincia di Genova), ad ovest con la Provincia di Piacenza.
 La provincia Ŕ divisa tipicamente in tre zone da nord a sud: pianura, collina e montagna. La parte pi¨ a nord -di pianura- Ŕ delimitata dal fiume Po. I centri pricipali delle zone collinari e montane sono situati lungo il corso dei principali fiumi, i quali discendono dall'Appennino scorrendo da Sud verso Nord e sfociano tipicamente nel Po. I corsi d'acqua pi¨ importanti della provincia sono il Taro, la Parma ed il Baganza (che confluisce nella Parma in prossimitÓ del capoluogo).
 Dal punto di vista turistico la provincia di Parma Ŕ ricca di monumenti legati principalmente ai vecchi stati medievali o al periodo napoleonico. In pianura si trovano: la villa Pallavicino di Busseto, la magnifica Rocca dei Rossi di San Secondo (con 3.000 mq di affreschi), la rocca di Soragna, la rocca di Fontanellato che conserva dipinti del Parmigianino e la reggia di Colorno. Sempre in pianura, da visitare la cittÓ di Fidenza (detta anche Borgo San Donnino) che vanta un duomo romanico, molto simile a quello di Parma Nella zona montana si trovano soprattutto castelli difensivi medievali: i pi¨ importanti sono il castello di Bardi, il castello di Compiano e il castello di Torrechiara.
Provincia di Reggio Emilia
 La Provincia di Reggio Emilia Ŕ una provincia dell'Emilia-Romagna di quasi 490 mila abitanti.
 Confina ad ovest con la Provincia di Parma (il confine Ŕ il fiume Enza) e a est con la Provincia di Modena, a nord con la Lombardia (Provincia di Mantova) e a sud con la Toscana (Provincia di Massa-Carrara e Provincia di Lucca).
 La provincia Ŕ attraversata trasversalmente dalla via Emilia, di fondazione romana, a cui si Ŕ affiancata nel XX secolo l'Autostrada del Sole e, prima ancora, la linea ferroviaria Milano - Bologna. Sono inoltre presenti le linee locali delle Ferrovie Reggiane. Longitudinalmente, in direzione nord sud, la provincia Ŕ attaversata dalla Strada del Cerreto (SS 63).
 ╚ compresa fra il fiume Po a nord e il crinale dell'Appenino Tosco Emiliano a sud.
 Mentre il territorio della pianura Ŕ fortemente antropizzato, l'Appennino reggiano presenta ancora un livello di naturalitÓ elevato, crescente man mano ci si sposta a sud verso il crinale. Fra le maggiori attrattive della montagna vi Ŕ la Pietra di Bismantova, nel comune di Castelnovo Monti, ma visibile dal territorio di molti comuni appenninici. Il profilo netto della montagna colpý Dante Alighieri che la cita nel Purgatorio.
 Nella provincia, in tutta l'area della pianura, vi Ŕ un forte distretto meccanico. La zona ad est, nei comuni di Castellarano, Casalgrande e Scandiano Ŕ anche un importante distretto di produzione delle ceramiche, incentrato anche nei confinanti comuni della provincia di Modena, in particolare Sassuolo. Tutto il territorio provinciale, anche nella zona appenninica, Ŕ rinomato per la produzione del Parmigiano Reggiano. Rilevante Ŕ anche la produzione agricola e zootecnica, soprattutto per quanto riguarda l'allevamento dei suini.
Provincia di Modena La Provincia di Modena Ŕ una provincia dell'Emilia-Romagna di circa 660 mila abitanti.
 Confina a nord con la Lombardia (Provincia di Mantova), a est con la Provincia di Ferrara e la Provincia di Bologna, a sud con la Toscana (Provincia di Lucca e Provincia di Pistoia), a ovest con la Provincia di Reggio Emilia.
 La provincia Ŕ divisa tipicamente in tre zone da nord a sud: pianura, collina e montagna. I corsi d'acqua pi¨ importanti della provincia sono il Secchia ed il Panaro che sfociano entrambi nel Po.
 La provincia Ŕ al centro di una fortunatissima porzione della Pianura padana in cui si estendono le aree di produzione tipica del formaggio Parmigiano-Reggiano e del prosciutto di Parma. Queste due glorie della gastronomia nazionale illustrano alla perfezione i caratteri della cucina modenese, basata sul formaggio e soprattutto sul maiale, l'animale d'allevamento pi¨ diffuso nella zona. Oltre al prosciutto (da segnalare la presenza anche di quello tipico di Modena, che Ŕ pi¨ sapido del parmense), tanti sono gli insaccati di suino che meritano di essere assaggiati: citiamo i salami, la mortadella e i ciccioli. Un piatto tipico delle feste invernali Ŕ lo zampone, ottenuto con carne macinata di maiale insaccata nella cotica della zampa anteriore. Ma dal maiale si ottiene anche lo strutto indispensabile per il tipico gnocco fritto: una focaccia quadrata che si accompagna molto bene ai salumi. Originaria dell'Appennino (ma gustata volentieri in tutta la provincia) Ŕ invece la crescentina, detta anche tigella, cotta sulla pietra nella caratteristica forma rotonda. Anche in questo caso formaggio e salumi sono l'ideale complemento. Tipico delle zone montane in particolare di Guiglia, Zocca, Marano sul Panaro, Serramazzoni Ŕ anche il borlengo sottilissima sfoglia ottenuta cuocendo in apposite piastre "rola" un impasto di uovo latte acqua e sale, condito, una volta cotto, con la "cunza" ovvero strutto aglio e rosmarino.
Provincia di Ferrara
 La Provincia di Ferrara Ŕ una provincia dell'Emilia-Romagna di circa 350 mila abitanti.
 Confina a nord con il Veneto (Provincia di Rovigo) e la Lombardia (Provincia di Mantova) lungo il Po (e il Po di Goro nel Delta del Po), a ovest con la Provincia di Modena, a sud (lungo il Reno) con la Provincia di Bologna e la Provincia di Ravenna, a est con il Mar Adriatico (tra il Po di Goro e la foce del Reno).A ovest viene attraversata dall'ultimo tratto del fiume Panaro. Lungo l'asse ovest-est c'Ŕ il Po di Volano.
Provincia di Bologna
 La Provincia di Bologna Ŕ una provincia dell'Emilia-Romagna di oltre 940 mila abitanti.
 Confina a nord con la Provincia di Ferrara, a est con la Provincia di Ravenna, a sud con la Toscana (Provincia di Firenze, Provincia di Prato e Provincia di Pistoia) e a ovest con la Provincia di Modena.
 La provincia di Bologna comprende l'Emilia sud-orientale e sette comuni il cui territorio Ŕ interamente compreso nella regione storico-geografica della Romagna: Borgo Tossignano, Casalfiumanese, Castel del Rio, Dozza, Fontanelice, Imola, Mordano.
 Il territorio provinciale si estende principalmente in pianura e in collina (la montagna occupa il 21,3% della provincia, contro una media regionale del 25%).
 I fiumi che maggiormente interessano il territorio provinciale sono il Reno, il Savena, l'Idice e il Santerno. I principali torrenti sono invece il Samoggia, il Setta e il Sillaro.
 Nell'esteso sistema collinare spiccano due dorsali che si pongono trasversalmente alle valli principali: il Contrafforte pliocenico e la Vena del gesso. Caratteristici e quasi unici al mondo sono i calanchi, formazioni collinari scavate dallo scorrere delle piogge sui versanti argillosi di diverse densitÓ, presenti lungo la Vena del gesso sulle colline da Reggio Emilia fino alla provincia di Rimini.
 I settori trainanti dell'economia regionale sono: l'agricoltura (ortaggi, cereali - famosa la patata DOP di Budrio), l'allevamento (suini e bovini) e la piccola e media industria nei settori alimentare, meccanico, della ceramica e dell'elettronica. Di rilievo l'attivitÓ della Fiera di Bologna, dove vengono organizzate manifestazioni internazionali (Motor Show) e l'infrastruttura dell'Interporto di Bologna per il carico e lo scarico delle merci provenienti in container dal porto di Ravenna.